BUON COMPLEANNO D-COM!


20 anni di passione, di strategie, di soluzioni e di servizi.
20 anni di esperienza nel mondo della comunicazione web per soddisfare al meglio le esigenze dei clienti, rimanendo sempre al passo con i tempi!

Digital Communication compie 20 anni. Nata nel 2000, dall’incontro di persone che hanno unito le loro esperienze e la loro passione nel bel mezzo dell’era della Digital Transformation. Una sfida che oggi è diventata una fiorente attività che soddisfa al meglio le esigenze dei clienti, rimanendo sempre al passo con i tempi.

In questa occasione particolare, abbiamo deciso di coinvolgere due dei fondatori di D-Com, Oscar e Fabrizio, ed entrare nel loro mondo!


Come è nata Digital?

L’agenzia Digital Communication è nata dall’incontro tra Oscar, un insegnante di grafica tradizionale, e Fabrizio, un allievo con una spiccatissima passione per i computer. Insieme abbiamo dato vita a una start up ante litteram, appoggiandoci a un’agenzia di PR tradizionale, ma lungimirante.

Qual è la storia e l’evoluzione di Digital?

D-Com è una storia di ragazzi – allora – che con poca esperienza, ma con tanta visione, si sono messi in gioco inventandosi impresa, mercato e tecnologie.

Gli anni 2000 erano gli albori della comunicazione on line, nessuno poteva prevedere il formidabile e incalzante sviluppo che avrebbe rivoluzionato il mondo della comunicazione e non solo. Digital ha saputo stare al passo con i tempi e con questa trasformazione, con il lavoro, la ricerca, la formazione e l’acquisizione di risorse che non hanno mai smesso di crescere.

Com’è cambiato fare comunicazione digitale in questi 20 anni?

Il mondo della comunicazione è cambiato in maniera drastica in questi 20 anni.

La comunicazione digitale, in particolare, è cambiata come è cambiata la scrittura dalla tavoletta di cera alla stampa, ma in molto, molto meno tempo. La velocità evolutiva delle tecnologie ha modellato a ritmi impensabili stili e contesti.

Cosa vuol dire lavorare nel settore digital oggi?

Rimanere aggiornati è una sfida quotidiana: il mondo sta vivendo una sorta di rivoluzione permanente, nel campo della comunicazione tecnica e pubblicitaria.

Inoltre, lo scollamento tra la il mito e la realtà, tra la complessità degli strumenti e la difficile comprensione delle loro potenzialità non facilitano il rapporto tra cliente e agenzia.

Quali sono le sfide più sofferte?

Le sfide sono all’ordine del giorno. In questi anni ne abbiamo affrontate tante.

La qualità della fornitura, per noi, viene prima del guadagno, è una nostra policy, ma a volte è difficile far combaciare i risultati attesi dai clienti e i loro budget. Ma nonostante questi divari siamo sempre stati capaci di fornire ottimi prodotti.

Quali i progetti più belli?

In questi 20 anni di lavoro ed esperienza abbiamo collaborato con tante realtà differenti e al contempo interessanti che hanno sempre ispirato la nostra creatività e ci hanno sempre spinto a fare di più, ad evolverci.

Riteniamo che i progetti più belli sono quelli che ci aprono nuove strade, e ci permettono nuove esperienze, quelli che coinvolgono anche collaborazioni esterne come videomaker, programmatori, fornitori di device evoluti. È l’innovazione, che è bella!

Il ricordo più simpatico e divertente?

Ci sono tantissimi ricordi legati a tanti eventi sia interni sia esterni, con clienti.

Per me – Oscar – il ricordo più memorabile è legato alla realizzazione dei biglietti di Auguri di Natale 2000: per realizzarli abbiamo portato addirittura un cavallo in agenzia, in mancanza di renne ci siamo adattati! Abbiamo creato in sala riunioni un vero set natalizio con tanto di Re Magi, costellazioni stellari, acrobazie e i migliori effetti speciali!

Per me – Fabrizio – il ricordo più simpatico è legato ai primi incontri con i clienti. All’epoca non esistevano i termini e le definizioni che distinguono le figure professionali legate al mondo digital, a molti è difficile spiegarli anche oggi, e durante gli appuntamenti venivo annunciato come il ragazzo del computer.

 

Post Tags: